La teoria dei Papi martiri nella cappella Sistina

La teoria dei Papi martiri nel terzo livello
degli affreschi quattrocenteschi della cappella Sistina


Il seguente testo, integrato e ampliato nell’apparato iconografico, è tratto da
La prima e tarda attività di Luca Signorelli: nuove indagini e acquisizioni,
Perugia 2016, p. 145, nota 206.


I quattro registri in cui si articolano gli affreschi delle pareti della Sistina


La teoria dei Papi martiri venne affrescata dalla squadra dei pittori quattrocentisti (capitanata da Pietro Perugino) nel terzo livello delle pareti della cappella Sistina, tra le monofore centinate: in ogni campata sono infatti previsti, ai lati della monofora corrispondente, due pontefici entro nicchie, le quali fungono come da piedritti delle lunette affrescate da Michelangelo. Le due finestre della parete d’altare sono state tamponate per lasciare spazio al Giudizio Universale dello stesso Michelangelo (costretto a distruggere, oltre a tutti gli affreschi del Perugino, anche le due lunette che aveva affrescato da giovane), mentre le due finestre della controfacciata non sono mai esistite e sono simulate attraverso l’illusione pittorica.


La Sistina pre-michelangiolesca in una stampa pubblicata nel 1901


La teoria dei papi oggi comprende 28 figure, da Anacleto ateniese (il primo della parete destra verso l’altare) fino a Marcello romano (al centro della controfacciata, a destra): la successione cronologica dei papi prevede una continua alternanza tra lato destro e lato sinistro, con una rottura del ritmo che si verifica solo nella prima doppia campata verso l’altare (ad Anacleto seguono infatti i primi due papi della parete sinistra, poi il ritmo è regolarmente alterno fino alla controfacciata, dove gli ultimi tre papi sono in sequenza dall’angolo sinistro fino al centro, a destra). Anacleto è il terzo pontefice della storia della Chiesa, per cui mancherebbero solo san Pietro Apostolo e san Lino della Tuscia; le altre due figure potevano essere Maria, Madre della Chiesa, e Gesù Cristo. Se nella parete d’altare venne utilizzato lo stesso criterio della controfacciata, Lino poteva trovarsi nell’angolo a sinistra, mentre le restanti figure dovevano succedersi da sinistra verso destra secondo l’ordine logico Maria-Cristo-Pietro.


Schema della successione cronologica dei primi trenta pontefici martiri


Il medesimo ordine, del resto, viene utilizzato da Michelangelo nel suo Giudizio Universale, che andò a distruggere, come detto, tutta la parete d’altare della cappella: in tal modo Maria e Cristo andavano a sovrastare l’Assunzione di Perugino (che sull’altare aveva simulato una finta pala corredata di cornice), mentre Cristo e Pietro venivano a trovarsi nella stessa metà della cappella (la metà destra, guardando l’altare) che li vede protagonisti nelle scene affrescate sul registro mediano (Storie di Cristo, tra cui la Consegna delle chiavi) e negli arazzi disegnati da Raffaello per il registro inferiore (Storie di Pietro, tra cui ancora la Consegna delle chiavi). Lo stesso Michelangelo, dopotutto, ripropone per la terza volta il tema della Consegna delle chiavi proprio nel Giudizio Universale: Cristo-giudice, infatti, è rivolto verso san Pietro che, a sua volta, protende verso il Salvatore le due chiavi ricevute, una d’oro e l’altra d’argento (allusioni alla duplice natura del potere papale, spirituale e temporale).


L’indizio lasciato da Michelangelo sulla disposizione delle prime quattro figure


Il pontefice Sisto II (Botticelli) e lo stemma della casata Della Rovere


Il pontefice Clemente I (Ghirlandaio)


Il pontefice Anacleto (Ghirlandaio)


(Perugino)


(Perugino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...